il dialogo tra il cosciente

IL DIALOGO TRA COSCIENTE VESTITO E IL COSCIENTE SPONTANEO

 

In molti esseri viventi, la tensione che nasce dall’organismo, tensione A, implica un’attività psichica e cerebrale. L’organismo umano realizzò la “conversione energetica” e “l’equilibrio f-e cranico”, sviluppando il cosciente: la sua attività vede il cosciente associato al non cosciente (la maggior parte delle attività cellulari dell’organismo).

Il cosciente è sempre educato in un modo o in un altro, dando origine al cosciente vestito, frequentemente distinto dal cosciente spontaneo. Nell’espressione psichica dell’essere umano, sempre abbiamo una fluttuazione o movimento pendolare tra queste due zone del cosciente:

  • Il pensiero ordinato e l’immaginazione;
  • Intelligenza allenata e l’intelligenza spontanea;
  • la psiche istruita che maneggia la CVP, dominandola, e la psiche spontanea che nasce dalla CVP, in una naturale associazione tra cosciente e non cosciente.

Questa differenza e il gioco o dialogo tra queste due parti del cosciente sono presenti e attive in qualunque momento della nostra vita.

L’incremento eccessivo di questa differenziazione fa scomparire la naturale associazione tra cosciente spontaneo e cosciente vestito e si produce la loro dissociazione. Nasce il conflitto interno: la persona si rende conto dell’ossessione che ha invaso la sua mente, però rimane impotente. Una parte del soggetto entra in conflitto con un’altra parte di se stesso: un’area del cosciente percepisce che un’altra area di se stesso è ossessionata intensamente da ansietà, angustia, claustrofobia, dispersione, cavillazione o euforia; non può conviverci e soffre.

L’individuo rimane impotente di fronte alla forza della sua stessa vita, che si manifesta in modo ossessivo e intensissimo, localizzato in una tensione parziale eccessiva. Questa forza vitale, internamente sovraeccitata, questo desiderio represso o inibito non si manifesta in modo qualunque, ma in modo singolare per l’essere umano, l’unico che unisce, per propria conformazione naturale, i meccanismi del cosciente e del non cosciente, del volontario e dell’involontario. La virtù della nostra naturalezza si radica nel cosciente o coscienza, che ci permette di restare fuori dagli stretti processi fisici dell’organismo. Però, non considerando che è proprio questa capacità psichica a nascere dall’organismo umano e abusandone, non ci rendiamo più conto che i numerosi problemi si producono perché è eccessiva l’area del nostro cosciente che non percepisce come, nell’organismo, nasce e rinasce un determinato tipo di tensione A.

Se la parte vestita disconosce quella non vestita, la tensione A passerà ad uno stato di tensione parziale eccessiva, TPE.

Se l’individuo la osserva, potrà alternarla con la necessaria distensione.

Se la ignora, rimarrà permanentemente inibita e un giorno si esprimerà in forma problematica.

Questo processo è ciò che soggiace nel fondo di molte infermità di cui soffre l’uomo attuale: non si tratta della dissociazione tra cosciente e il subcosciente o incosciente, ma di quella che esiste all’interno del cosciente stesso, tra la sua zona vestita (non associata e spesso in opposizione al non cosciente) e la sua zona spontanea (associata naturalmente al non cosciente). Non stiamo parlando di totale unificazione, ma della necessità vitale di osservare questa differenza e il gioco o dialogo tra entrambe. Per fare ciò, risulta decisivo tenere in conto la nostra attività psichica spontanea, che nasce nella vita del nostro organismo.

NOTIZIE

IL NUOVO LIBRO DI KATSUMI MAMINE

LA VIDA las 5 oseis, è il titolo dell’ultimo libro pubblicato da Katsumi Mamine.

“E’ più importante che la vita si esprima e funzioni, piuttosto che si mantenga la salute”

Katsumi Mamine Miwa