il dialogo tra il cosciente

IL DIALOGO TRA COSCIENTE VESTITO E IL COSCIENTE SPONTANEO

 

In molti esseri viventi, la tensione che nasce dall’organismo, tensione A, implica un’attività psichica e cerebrale. L’organismo umano realizzò la “conversione energetica” e “l’equilibrio f-e cranico”, sviluppando il cosciente: la sua attività vede il cosciente associato al non cosciente (la maggior parte delle attività cellulari dell’organismo).

Il cosciente è sempre educato in un modo o in un altro, dando origine al cosciente vestito, frequentemente distinto dal cosciente spontaneo. Nell’espressione psichica dell’essere umano, sempre abbiamo una fluttuazione o movimento pendolare tra queste due zone del cosciente:

  • Il pensiero ordinato e l’immaginazione;
  • Intelligenza allenata e l’intelligenza spontanea;
  • la psiche istruita che maneggia la CVP, dominandola, e la psiche spontanea che nasce dalla CVP, in una naturale associazione tra cosciente e non cosciente.

Questa differenza e il gioco o dialogo tra queste due parti del cosciente sono presenti e attive in qualunque momento della nostra vita.

L’incremento eccessivo di questa differenziazione fa scomparire la naturale associazione tra cosciente spontaneo e cosciente vestito e si produce la loro dissociazione. Nasce il conflitto interno: la persona si rende conto dell’ossessione che ha invaso la sua mente, però rimane impotente. Una parte del soggetto entra in conflitto con un’altra parte di se stesso: un’area del cosciente percepisce che un’altra area di se stesso è ossessionata intensamente da ansietà, angustia, claustrofobia, dispersione, cavillazione o euforia; non può conviverci e soffre.

L’individuo rimane impotente di fronte alla forza della sua stessa vita, che si manifesta in modo ossessivo e intensissimo, localizzato in una tensione parziale eccessiva. Questa forza vitale, internamente sovraeccitata, questo desiderio represso o inibito non si manifesta in modo qualunque, ma in modo singolare per l’essere umano, l’unico che unisce, per propria conformazione naturale, i meccanismi del cosciente e del non cosciente, del volontario e dell’involontario. La virtù della nostra naturalezza si radica nel cosciente o coscienza, che ci permette di restare fuori dagli stretti processi fisici dell’organismo. Però, non considerando che è proprio questa capacità psichica a nascere dall’organismo umano e abusandone, non ci rendiamo più conto che i numerosi problemi si producono perché è eccessiva l’area del nostro cosciente che non percepisce come, nell’organismo, nasce e rinasce un determinato tipo di tensione A.

Se la parte vestita disconosce quella non vestita, la tensione A passerà ad uno stato di tensione parziale eccessiva, TPE.

Se l’individuo la osserva, potrà alternarla con la necessaria distensione.

Se la ignora, rimarrà permanentemente inibita e un giorno si esprimerà in forma problematica.

Questo processo è ciò che soggiace nel fondo di molte infermità di cui soffre l’uomo attuale: non si tratta della dissociazione tra cosciente e il subcosciente o incosciente, ma di quella che esiste all’interno del cosciente stesso, tra la sua zona vestita (non associata e spesso in opposizione al non cosciente) e la sua zona spontanea (associata naturalmente al non cosciente). Non stiamo parlando di totale unificazione, ma della necessità vitale di osservare questa differenza e il gioco o dialogo tra entrambe. Per fare ciò, risulta decisivo tenere in conto la nostra attività psichica spontanea, che nasce nella vita del nostro organismo.

NOTIZIE

KATSUMI MAMINE MIWA (1944-2020)

Vi informiamo che il 14 aprile, il nostro caro master Katsumi Mamine Miwa è deceduto.

Vogliamo condividere con voi la triste notizia della perdita dell master e la sensazione del prezioso significato che ha avuto e ha per ognuno di noi.

 

 

PUOI GIÀ VEDERE E CONDIVIDERE IL DOCUMENTARIO
“SEITAI: Observar la vida, comprenderla y recuperar la vitalidad”, 

Versione inglese
Presto tradotta in italiano

Teaser SEITAI di Igor Cortadellas, con sottotitoli in inglese

La presentazione del documentario avvenuta presso il CCCB a gennaio.

Puoi vedere la presentazione del documentario e del documentario facendo clic sull’immagine.

ESSERE UN MEMBRO DELLA FONDAZIONE SEITAI  BARCELONA

Essere un membro della Fondazione ti consentirà di condividere informazioni dirette sulle attività, una maggiore proiezione, una garanzia e un supporto legale e istituzionale. Inoltre, collaborerai economicamente allo sviluppo delle attività svolte dalla Fondazione.

Come diventare un membro della Fondazione?

NATURALEZA HUMANA Y SEITAI

Come risultato finale di quarant’anni di lavoro, Katsumi Mamine pubblica Naturaleza Humana y SEITAI. Observaciones y prácticas. Il libro è composto da due parti. Il primo dedicato alle osservazioni e il secondo alle pratiche.

Leggi di più …

Vai al Canale Youtube, della Fondazione. Nelle Playlist, vedrai alcuni programmi TV relativi a SEITAI.